IL CRITERIO DI INDIVIDUAZIONE DELLA COMPETENZA TERRITORIALE DEL GIUDICE NEL CASO IN CUI IL VETTORE AEREO HA SEDE IN UNO STATO ESTERO


Il principio della preminenza delle norme di derivazione pattizia su quelle interne

A seguito di citazione proposta da due passeggeri per la richiesta di risarcimento dei danni subiti a causa della cancellazione di un volo aereo,  il  Giudice di Pace di Ancona  ha accolto l’eccezione di incompetenza territoriale in favore del Giudice di Pace del luogo  di partenza o di arrivo del volo sollevata dal vettore aereo convenuto in giudizio. Il giudice di prime cure ha pertanto rilevato che, in caso di ritardo o cancellazione del volo, la normativa comunitaria prevede il diritto del passeggero ad ottenere un indennizzo forfettario e, in caso di controversia, la competenza spetta al Giudice del luogo di partenza o arrivo. Ha poi evidenziato che il trasportato può anche agire per ottenere il risarcimento del danno supplementare e che, in relazione a tale domanda, la competenza territoriale va valutata in base a quanto previsto dalla Convenzione di Montreal, che fa riferimento al domicilio del vettore o alla sede principale della sua attività o al Tribunale del luogo di destinazione.

Avverso tale sentenza del Giudice di Pace è stata proposta impugnazione dai passeggeri che hanno sostenuto, tra l’altro, che la competenza per territorio dovrebbe essere  individuata applicando la normativa di diritto interno, ovvero il d.lgs. 206/2005 nella parte in cui fa riferimento al foro del consumatore formulando due diverse domande, ovvero la condanna sia al pagamento della "compensazione pecuniaria" prevista, nel caso di ritardo o cancellazione, dal Regolamento CE 261/04, sia la condanna al risarcimento dei danni ulteriori subiti.


La questione da dirimere verte non tanto sulla natura domestica o interazionale del volo ma sul luogo in cui ha la sede legale il vettore aereo.
Il Giudice di Appello ha preliminarmente escluso l’applicabilità della Convenzione di Montreal del 28 maggio 1999 in quanto nel caso di specie la tratta del volo si esauriva quindi all'interno del territorio dello Stato Italiano e per l'individuazione della normativa applicabile nei rapporti tra gli appellanti ed il vettore aereo occorre fare riferimento al Reg. UE n. 1215/2012.


Infatti il  vettore aereo  risulta domiciliato in uno stato estero  ed il Reg. UE 1215/2012 prevede, come principio generale, quello della competenza dell'autorità giurisdizionale del domicilio del convenuto ma sulla base dei fori alternativi basati sul collegamento tra autorità giurisdizionale e controversia, occorre richiamare l’art. 7, p.1, lettera b, secondo trattino, ai sensi del quale poiché il  traporto aereo ricade nella prestazione di servizi, il luogo in cui questi sono stati o avrebbero dovuto essere prestati in base al contratto è il luogo dell'aeroporto di partenza e di arrivo del volo (nella specie, siti entrambi in Italia).
Non può, invece, farsi riferimento al foro del Consumatore, come regolamentato dall'art. 17 del regolamento n. 1215/2012 che si occupa della competenza in materia di contratti conclusi dai consumatori e non può essere applicato ai contratti di mero trasporto "che non prevedono prestazioni combinate di trasporto e di alloggio per un prezzo globale", per espressa esclusione del paragrafo 3 dell'articolo citato. (Sul punto Cass. S.U. n. 18257 del 2019; in senso parzialmente conforme Cass. civ., 23 gennaio 2018, n. 1584; in senso contrario Sez. Un. civ., 14 giugno 2006, n. 13689; Corte di Giustizia sentenza C-46412018).

Il Giudice di seconde cure  ha stabilito dunque che il Giudice di Pace di Ancona, con riferimento alla domanda di indennizzo ai sensi del Reg. 261/04, ha correttamente affermato la competenza per territorio a decidere sulla del Giudice del luogo di partenza o di arrivo.

Con riferimento, invece, alla domanda di risarcimento del danno ha rilevato che il Giudice di Pace di Ancona  ha erroneamente richiamato la Convenzione di Montreal che non è applicabile al caso di specie.
Ai fini dell'individuazione del giudice competente va allora rilevato che gli appellanti hanno chiesto, in aggiunta alla compensazione pecuniaria, il diritto al risarcimento del danno ulteriore in forza dell'art. 12 del Reg. Ue 261/04, secondo cui "Il presente regolamento lascia impregiudicati i diritti del passeggero ad un risarcimento supplementare".

Considerato che il vettore aereo è una società commerciale avente sede in uno stato estero europeo, occorre fare riferimento al Reg. UE n. 1215/2012, trattandosi comunque di domanda risarcitoria che scaturisce da un contratto avente ad oggetto la prestazione di servizi, dunque soggetta alle regole di giurisdizione e di competenza ordinarie stabilite dal predetto regolamento.

Ciò significa che, non essendo applicabile la disciplina del foro del consumatore, non sussistono comunque i presupposti per riconoscere la competenza del foro di Ancona, ma va riconosciuta la competenza del Tribunale del luogo in cui i servizi sono stati o avrebbero dovuto essere prestati in base al contratto, ovvero il luogo dell'aeroporto di partenza e di arrivo del volo.

Concludendo, nella  recente pronuncia meritevole di commento il Giudicante, respingendo l’appello proposto sulla base dell’errato riferimento alla regola del foro del consumatore prevista dall'art. 66 bis del d.lgs. 206/2005,  ha fatto buon governo del principio di preminenza delle norme di derivazione pattizia su quelle interne in forza delle quali non è applicabile  il foro del consumatore ai contratti di trasporto puri e semplici, come quello del caso di specie.

Avv. Veronica Della Monaca

Condividi questo articolo


Altre news


LE GIURISDIZIONI CONTABILE E TRIBUTARIA NEL SISTEMA DEI GIUDICI SPECIALI

Venerdì 21 ottobre 2022, alle ore 9,00, presso la Facoltà di Economia “Giorgio Fuà” dell’Università Politecnica delle Marche, si è svolto il convegno "Le Giurisdizioni contabile e tributaria nel sistema dei Giudici speciali", organizzato dall’Accademia Marchigiana di Logica Giuridica con la collaborazione dell’Università Politecnica e del Lions Club Ancona “Colle Guasco” nell'ambito della giornata di studi in ricordo del Prof. Luigi Di Murro dedicata all'approfondimento giuridico nel solco degli insegnamenti di chi ci ha preceduto e con lo sguardo rivolto alle sfide del futuro per l’intera Nazione.

Continua a leggere...

LA CORTE DEI CONTI NEL NOSTRO ORDINAMENTO.FUNZIONI E CRITICITA' DI UN ORGANO COMPLESSO

ATTI DEL CONVEGNO

Continua a leggere...