LUDOPATIA: PATOLOGIA E RIPERCUSSIONI GIURIDICHE E SOCIALI


All'evento formativo svoltosi presso la Facoltà di Economia “Giorgio Fuà” dell'Università Politecnica delle Marche sono stati trattati gli aspetti normativi e giurisprudenziali del gioco d'azzardo, oltre alle problematiche di imputabilità e ludopatia.


Sono intervenuti quali relatori, tra gli altri, il  Dott. Vincenzo Luzi, già Procuratore Capo di Ancona, l’Avv. Veronica Della Monaca, Avvocato del  Foro di Ancona, il Dott. Rodolfo Rabboni, psicologo e psicoterapeuta, responsabile Area gioco patologico del Servizio territoriale per le dipendenze (Stdp) di Ancona e la Dott.ssa Valentina Rascioni, magistrato del Tribunale di Ancona nonchè il  Sig. Roberto Giachi, operatore per organizzazione eventi ed attività progetto Informabus del Comune di Ancona   per l’illustrazione  delle  iniziative di prevenzione e informazioni sui rischi delle dipendenze tecnologiche e del gioco d'azzardo poste in essere dal Comune di Ancona nonché  la strategia dell'Unità di Strada Informabus.    

Condividi questo articolo


Altre news


PANORAMICA ITALIANA SUL DIALOGO TRA LE MISURE DI PROTEZIONE E L'IMPRESA INDIVIDUALE

SOMMARIO:
1) L’amministrazione di sostegno e le scelte gestionali del giudice tutelare. Acquisizione, continuazione, affitto, vendita e liquidazione dell’impresa: a. Il tessuto normativo; b. L’attività gestoria.
2) Le categorie di soggetti c.d. “deboli”: a. I minori emancipati;
b. I minori soggetti alla responsabilità genitoriale; c. I minori sotto tutela; d. Gli interdetti e gli inabilitati.
3) Le tipologie di imprese: a. L’impresa agricola; b. L’impresa di famiglia; c. Il piccolo imprenditore; d. L’impresa artigiana.
4) Conclusioni: a. Inizio, continuazione, affitto, alienazione e liquidazione dell’impresa in relazione agli indici di bilancio; b. Il controllo sulla
gestione del beneficiario, dell’amministratore di sostegno o dell’institore.

Continua a leggere...

LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DEGLI STRUMENTI DI RISOLUZIONE ALTERNATIVA DELLE CONTROVERSIE

Con la legge 26 novembre 2021, n. 206 (Gazz. Uff., 9 dicembre 2021, n. 292) è stata disposta la delega al Governo, entro un anno dalla data di entrata in vigore della predetta legge, per l'efficienza del processo civile e per la revisione della disciplina degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie.

Continua a leggere...